Vegani a destra, vegetariani a sinistra

Vegani a destra, vegetariani a sinistra. Ma chi lo fa per l’ambiente?

 

Il Rapporto Italia 2019 di Eurispes conta che 7 italiani su 100 (precisamente il 7,3%) sono vegetariani o vegani: il 5,4% del campione esaminato si dichiara vegetariano e un ulteriore 1,9% vegano. Sono tanti o sono pochi? Sostanzialmente gli stessi di cinque anni fa: nel 2014 il 7,1% del campione intervistato era  vegetariano o vegano, nel 2016 addirittura l’8%.

Un altro 4,9% di italiani ha ammesso di essere stato vegetariano ma di essere ritornato a una dieta onnivora. Nel complesso comunque si registra un aumento di un punto percentuale di persone che hanno scelto di non mangiare più nessun prodotto animale rispetto al 2018: nel 2018 i vegani all’interno del campione esaminato erano lo 0,9%, nel 2014 lo 0,6%. Sono diminuiti invece i vegetariani: erano il 6,2% degli intervistati nel 2018, anche se gli esperti precisano che quest’ultima variazione potrebbe essere spiegata dal passaggio da una dieta vegetariana a una vegana.

 

Il rapporto Eurispes correla questa abitudine alimentare anche con l’orientamento politico, ed emerge una sorpresa. Parafrasando Gaber: “Il vegano per scelta è più di destra, vegetariano forse di sinistra. L’8,1% di chi si colloca a destra o nel centro destra è vegano, contro lo 0,9% di chi si colloca a sinistra o nell’estrema sinistra. È inoltre vegano il 2,8% di chi ha votato Movimento 5 stelle. A sinistra sono tuttavia vegetariane 14 persone su 100, il doppio di chi si dichiara di centro destra. È vegetariano il 5,5% degli elettori del Movimento.

Ancora più curioso osservare che non c’è una differenza enorme fra chi ha fatto questa scelta per ragioni ambientali, fra centro destra e centro sinistra: ha risposto così il 14,3% di chi ha votato centro sinistra e il 10% di chi ha votato centro destra, contro il 4,8% dei pentastellati.

Nel complesso insomma non si registra un gradiente “politico” nel numero di persone che scelgono una dieta onnivora, anche se gli elettori di centro sinistra si distinguono per l’alta percentuale di chi non segue una dieta onnivora per rispetto dell’ambiente, mentre fra l’estrema destra prevale la prospettiva individualista: il 41% risponde di farlo “come filosofia di vita” e il l 16% “per mangiare meno e meglio”.  “Ma cos’è la destra, cos’è la sinistra”.

A provare nuovi regimi alimentari sono prevalentemente le donne. Il 5,8 di loro di dichiara vegetariana (contro il 5% dei maschi) e il 2,8% vegana (contro l’1,1% degli uomini). Nell’insieme il 15% delle donne intervistate – una su sei – è stata almeno in un momento della sua vita non onnivora. Questione di dieta? No, di rispetto per gli animali. Il 30% delle donne intervistate ha dichiarato di aver optato per vegetarianesimo o veganesimo per questo motivo, contro il 2,9% degli uomini. Ma nessuna delle donne interpellate ha detto di averlo fatto per l’ambiente, risposta che è stata data invece dall’8,8% degli uomini, con picchi del 10% al Sud. Nel complesso un terzo delle persone ha scelto di non seguire una dieta onnivora per questioni di salute.

È tuttavia curioso – e forse segno di scarsa consapevolezza – notare che il 24% del campione dichiari di aver scelto di essere vegetariano o vegano come “filosofia di vita”, ma solo il 3,6% ha incluso l’ambiente nella propria “filosofia di vita”.

 

Geograficaente, ci sono più vegetariani e vegani al nord rispetto al centro e al sud, anche se le due regioni con il maggior numero di vegetariani sono proprio nel Meridione: Sicilia e Sardegna.

Infine, un elemento interessante di novità rispetto al 2018 è la ripartizione per fasce di età: non sono i giovanissimi i più radicali in materia, ma i 35-44 enni (7,1% di vegetariani e 2,2% di vegani), anche se i 18-24 enni mostrano percentuali maggiori di vegani: il 3%. Un altro dato che colpisce è il boom rispetto a un anno fa dei vegani over 65: oggi il 2,5% del campione esaminato, mentre il 4,7% di loro è vegetariano. Rimane comunque il fatto che 9 over 65 su 10 hanno una dieta onnivora, la percentuale più alta di tutti i gruppi di età.

Pelle vegetale

DIRITTI RISERVATI: Tatiana Maselli per https://www.greenme.it/consumare/mode-e-abbigliamento/pelle-vegetale-cactus/

La prima pelle vegetale realizzata con le pale di fico d’india da questi due giovani messicani

Pelle vegetale dalle foglie di cactus

Una coppia di giovani di Guadalajara, in Messico, ha creato la prima pelle vegetale a base di foglie di fico d’India e presenterà la straordinaria innovazione a Lineapelle, manifestazione milanese che si sta svolgendo a Milano in questi giorni.

Adrián López e Marte Cazárez hanno portato avanti sperimentazioni per due anni per riuscire a creare un’alternativa alla pelle che fosse rispettosa dell’ambiente e degli animali e che garantisse resistenza e traspirabilità.

Per trovare il materiale adatto, i due giovani si sono ispirati a realtà simili che realizzano pelle vegetale a partire dalle bucce di mela e dall’ananas.

L’idea di sfruttare il fico d’India è arrivata quasi per caso: i due stavano riflettendo su come questa pianta fosse ampiamente utilizzata in cosmesi per la produzione di shampoo e creme, quando si sono detti “Se il fico d’India è buono per la pelle, perché non usarlo per creare la pelle?”.

Inoltre il fico d’India è molto diffuso in Messico, come spiega uno dei due ideatori della nuova pelle vegetale:

“Il Messico ha il potenziale per innovare e il cactus è il simbolo del paese. Molte persone ci hanno detto che eravamo pazzi! Perfino i nostri ingegneri ci hanno detto che non si poteva fare. Abbiamo detto come no? Siamo in Messico, siamo messicani, quale materia prima abbonda qui? Il cactus qui cresce da solo, senza bisogno di grandi quantità d’acqua. È lì che abbiamo iniziato a testare il fico d’india e, dopo diversi test, siamo stati in grado di realizzare un materiale resistente “, ha spiegato Adrián.

Dopo diversi fallimenti, i due giovani messicani sono riusciti a produrre un materiale del tutto simile alla pelle ma più ecologico ed economico e soprattutto che non prevede lo sfruttamento, il maltrattamento e l’uccisione di animali. Ora la loro pelle vegetale è pronta a sostituire quella animale per realizzare numerosi oggetti.

“Un abitino, una borsa, una cintura, un cinturino per orologio, una piccola libreria, una poltrona. Qualunque pelle può essere sostituita da pelle vegetale; la pelle animale o la pelle sintetica possono essere sostituite da quelle vegetali, sostenendo l’ecosistema”, ha dichiarato Marte Cazárez.

La nuova pelle vegetale, che ha un prezzo di circa 25 dollari al metro,  potrebbe dunque sostituire quelle animali e sintetiche. Oltre a preservare l’ambiente e ad evitare l’uccisione di animali, l’utilizzo della nuova pelle vegetale in sostituzione di altre alternative meno ecologiche ed etiche porterebbe anche benefici ai produttori locali che coltivano fichi d’India.

Visti i numerosi vantaggi della nuova pelle vegetale, ci auguriamo che questa innovativa soluzione venga adottata presto dalle aziende che oggi lavorano pellame o che producono oggetti in pelle.