Per fare le scarpe non ci vuole un bue

Standard

Beatrice Montini

 

LA TENDENZA

 

Per fare le scarpe non ci vuole un bue: calzature vegan e «made in Italy»

Dalla londinese Nakfashion a Camminaleggero: i marchi che producono stivaletti, décolleté e sandali «animal free», sempre più cool e sostenibili

di Beatrice Montini

Alcuni modelli di scarpe di Nak Fashion (foto di NakFashion)
Alcuni modelli di scarpe di Nak Fashion (foto di NakFashion)
shadow

Leggere, impermeabili, ecosostenibili, cool. E soprattutto «cruelty free». Parliamo di scarpe vegan, prive di derivati origine animale come pelle, cuoio, camoscio. Se le prime calzature dedicate a chi ha scelto questo stile di vita (ma non solo) risalgono all’inizio degli anni ’90 (uno dei marchi pionieri nel campo è il britannicoVegetarianShoes), col passare degli anni e la crescita di vegetariani e vegani nel mondo, le aziende che hanno deciso di puntare sui prodotti «animal free» si sono moltiplicate. Detto addio a uno stile molto spesso basic e decisamente casual, oggi le possibilità di trovare il modello che più si adatta al proprio piede (e al proprio look), si sono moltiplicate. Chi preferisce una scarpa comoda, bassa, da portare tutti i giorni ha l’imbarazzo della scelta. Ma anche chi vuole una calzatura più elegante, raffinata, lussuosa, non ha più le difficoltà di un tempo.

shadow carousel
Stivaletto o tacco 12: tutti gli stili delle scarpe vegan
Stivaletto o tacco 12

L’Italia e il made in Italy sono diventati un punto di riferimento anche per le aziende estere che producono calzature vegan. Un esempio su tutti è quello di Nak Fashion (acronimo di Not Animal Killed, nessun animale è stato ucciso), giovane start up londinese, che produce scarpe per uomo e donna. Ha debuttato a febbraio alla Fashion Week di Londra puntando sull’alta qualità dei materiali ma anche su modelli molto giovani e decisamente trendy. «Be, cool, not cruel» (sii cool, non crudele) è l’imperativo fashion di Nak. «Le nostre scarpe sono fatte a mano in Italia perché il vostro Paese è al top in questo– spiegano dall’azienda – Puntiamo su una produzione di alto livello sia nei materiali usati che nello stile delle scarpe, portando la massima attenzione a tutte le fasi, dalla confezione al prodotto finito». Nella collezione di Nak al momento sono presenti 9 modelli, 4 da uomo e 5 da donna che vai dai più classici décolleté agli stivaletti allacciati. Un unico colore: il nero. Ma con un pizzico di color acqua marina che richiama il marchio. Il materiale scelto è la microfibra di alta qualità, il materiale più usato come sostituto della pelle. «È poroso e traspirabile ma in confronto alla pelle animale è tre volte più leggero e 100% waterproof». Made in Italy sono anche le scarpe dell’azienda australiana Zette Shoes che propone modelli da donna in colori fluo e metallizzati (come il fucsia) adatti a chi piace osare (ovviamente senza crudeltà). E sulla qualità della produzione italiana punta anche VeganShoes e Le scarpe di Linus eNoah.

Filiera corta e riciclo

Totalmente italiana è la milanese Opificio V nata da un’idea di Paola Caracciolo, 36 anni, titolare dell’azienda nata nel 2013. Tutte le scarpe e gli accessori sono creati artigianalmente con l’impiego di materiali alternativi a cuoio e pelle. Ma non solo. Al posto della tradizionale scatola di scarpe viene usato un sacchetto di carta riciclata da destinare successivamente ad altri usi. Camminaleggero è stata invece creata da Carolina Pini, 42 anni, vegana: 3mila paia di scarpe vendute nel 2015, con una crescita del 50% all’anno. «Volevamo poter indossare scarpe senza derivati di origine animale, che fossero il risultato di una politica il più possibile attenta alla tutela dell’ambiente in tutti i suoi passaggi produttivi – spiegano dall’azienda – Volevamo poter offrire oggetti realizzati da manodopera artigiana e non dislocata dal luogo di progettazione». Uno dei punti di forza di Camminaleggero è infatti la produzione a «km zero», realizzata interamente tutta nel Nord Italia. «Sosteniamo le realtà artigiane locali del settore calzaturiero e lavoriamo privilegiando un’economia a filiera corta, per evitare inutili dispersioni e sprechi energetici», spiegano. Per quanto riguarda i materiali sostitutivi del cuoio la scelta va ancora alla microfibra «Le tomaie delle calzature sono realizzate in microfibra di ultima generazione, un materiale resistente e particolarmente leggero, traspirante e anallergico che, a seconda della tipologia, può risultare simil-pelle o simil-camoscio – spiegano dall’azienda – Per i modelli ad effetto “grease”, simil cuoio, la micofibra è stata ingrassata e bottalata, così da rendere il materiale ancora più resistente e morbido».

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...